1 CoronaVirus: cosa fare

Mirco Bindi MD

CoronaVirus, per gli scenziati CorVID19, per me CorVI

Cronache dalla Tailandia: La D sta a indicare Disease. Cioè la capacità di generare malattie mortali. Non è una novità. I Virus sono sterili per definizione. Si propagano solo se c’è un ospite compiacente. Il CorVi ha la capacità di prendere il controllo genetico e utilizzarlo per la sua crescita indefinita. Il metodo è analogo a quello del cancro. Un crescita incontrollata porta a morte le persone con sistema immunitario danneggiato.

Chi muore di CorVi? I Deboli, ma chi sono Costoro? In Italia la donna l’ottantenne con un tumore è un esempio semplice, l’anziana con l’infarto anche, del primo so che aveva “altre patologie” . In Cina di 99 ammalati 47 vendevano pesce, 2 li compravano, 50 avevano malattie croniche. Di questi 74 hanno sviluppato una polmonite, 11 sono morti per infezioni batteriche e funghi, nessuno era medico o infermiere.

Il rischio di morte è elevato per chi ha un tumore, una malattia cardiologica, il diabete, l’ipertensione, una malattia respiratoria. La chiamano comorbidità. Alzi una mano chi ha una età a cavallo di 55anni (+/-20) e non è in piena forma fisica. Se le cellule hanno una degenerazione metabolica cellulare, Costoro sono certamente a rischio.

CORVI-Fobia Italiana. Gli scaffali della Esselunga di Abbiate Grasso svuotati lunedì 24 febbraio sono il metodo migliore per propagare il CORVI. Il virus è contagioso 5 giorni prima di mostrare segni di malessere e continua per almeno 2 settimane. Serve una vicinanza di 1 metro, un pò di tosse, mal di gola, starnuti, bruciore agli occhi, alito pesante, un vociare concitato. La persona infetta contagia 2,5 persone che cli stanno accanto. Probabilmente il contagio è maggiore.

COSA FARE. Niente. Solo semplici precauzioni. 1) Utilizzate le mascherine, 2) Prendete i Microrganismi effettivi o gli Enzimi per bocca e in spay per l’ambiente. 3) Assumete almeno 4 grammi di Vitamina C, 4) considerare chi non ha la maschera un Irresponsabile contagioso, 5) per Vostra tranquillità e dei familiari fate il tampone orofarigeo. Sollecitate le USL a fare il loro lavoro di prevenzione, 6) Se avete tosse e febbre considerate la possibilità della semplice influenza, 7) NON prendete antibiotici o antipiretici. Usate per il mal di testa panni freddi. Chiamate il medico a casa.

Caccia agli untori a Padova: la procura indaga sulle mancanze di chi non ha bloccato l’infezione al primo morto nell’ospedale di Schiavonia. La colonna infame della peste milanese del 1630 sarà presto ripristinata.

Colabrodo Italia: Primo caso a Madrid. Il 24enne era stato in giro per l’Italia del nord. Sul telegiornale Tailandese l’Italia è seconda solo alla Cina e Sud Corea per numero di contagi.

CORVI Raccomandazioni di Mirco Bindi soggette a modifica Giorno per giorno

Il CORVI rimane vitale sulle superfici da 2 ore a 10giorni. L’umidità aumenta la sua vita. A temperatura 5° vive per 28 giorni, attenzione ai refrigerati contaminati nei banchi frigo commerciali. L’alcool lo disattiva, ma diminuisce la protezione del Microbiota cutaneo. Evitare gli ospedali se non strettamente necessario. L’incubazione varia da 1 a 15 giorni, forse anche oltre. Il contagio può avvenire anche nei 5-28 giorni precedenti i sintomi da un presunto sano.

  1. Utilizzare sempre la mascherina a tre strati antivirale/Pn2.5 e possibilmente protezione oculare con plexigas se in luoghi affollati pericolosi come supermercati, metro, autobus.
  2. Aumentare la distanza dalle altre persone nei luoghi pubblici, minimo 1 metro.
  3. Lavarsi le mani con semplice acqua e sapone senza disinfettanti chimici. Al massimo alcool diluito al 60%. Starnutire nella piega del gomito o nelle mani.
  4. Assumere 4 grammi o più di vitamina C al giorno meglio se naturale Acerola-Rosa canina.
  5. Utilizzare i Microrganismi EM effettivi per disinfettare l’aria domestica e di lavoro, le superfici e gli ambienti propri e altrui. 
  6. Sciacquarsi la bocca e bere gli EM per rafforzare il sistema immunitario e i batteri macrofagi.
  7. Mangiare frutta e verdura cruda da 1 a 2 kg al giorno dopo averla tenuta a bagno nella soluzione con EM. Ridurre al 10% i cibi animali, il latte, i latticini e i prodotti confezionati raffinati. Non aggiungere sale (sodio) nei piatti cotti e crudi
  8. Non utilizzare il Cloro o altri disinfettanti chimici nella propria abitazione e al lavoro in quanto uccide i batteri buoni e stimola la mutazione batterica e virale.
  9. Munirsi di una bottiglietta spray da utilizzare su mani e viso per creare una barriera di acqua e batteri.
  10. Chi conosce gli Enzimi li utilizzi come gli EM e li fornisca gratuitamente ad amici e conoscenti.

Prevenzione e cura CORVI. Considerare il contagio come una normale influenza con sintomi leggeri, febbre, tosse, dolori muscolari, mal di testa. Chiamare il medico in caso di insufficienza respiratoria. Non usare antipiretici, antibiotici e contenere la febbre elevata con impacchi freddi locali.

CONSIDERAZIONE In Cina hanno adottato misure drastiche obbligando tutti a stare chiusi in casa e hanno usato il manganello e forse altri metodi non ufficiali. Il fumo dei crematori non potrà dirci chi è finito dentro. Le compagnie aeree Hong Kong e Sud Korea hanno bloccato i flussi aerei. La maschera sul viso è obbligatoria per chi vuole proteggersi all’esterno e in famiglia. Le drastiche misure italiane (attuate a pagliacciata) vanno in ordine sparso nei paesi europei. Il CORVI è diverso dai virus influenzali. Un conto è mantenere la calma in modo consapevole e vedere l’evoluzione della epidemia nei prossimi sei mesi, un conto è sottovalutare il pericolo e fare gli sbruffoni come è avvenuta in alcuni professionisti che sono finiti in ospedale. Le misure attuate probabilmente sono “spropositate” in confronto alla versione ufficiale che è diffusa dalla propaganda mediatica. 

PREVENZIONE CON I TAMPONI OROFARINGEI. Hanno smesso di fare i test preventivi, in questo modo la mortalità del CORVI è schizzata alle stelle: 528 contagiati con 14 morti. Ottimo sistema per diffondere il panico!!!!

Non ho notizie di ispezioni ONU nel laboratorio di massima bio-sicurezza a Wuhan. Molti esperti non hanno i dati veri cinesi,  parlano per se stessi. Un paio di mesi prima del dicembre 2019 c’è stata una esercitazione di guerra biologica chiamata causalmente “coronavirus”. Diego Fusaro esprime un dubbio ampiamente valido. L’epidemia è iniziata dal pipistrello mangiato vivo, ma potrebbe essere anche una falla del laboratorio e infine una guerra economica dai potenti americanofili per mettere in ginocchio il colosso cinese. Il dubbio genera la riflessione, il pensiero unico quando è categorico è da rigettare.

NON FIDATEVI DI ME, ma conosco la sindrome metabolica degenerativa del cancro e quello che bisogna fare per ripristinare la salute delle cellule sane. Chi ha già superato il punto di non ritorno del sistema immunitario sviluppa sintomi polmonari gravi e ha un rischio elevato di morte. Costoro dovrebbero essere valutati con i Test epigenetici e l’Autopsia per verificare la presenza della SINDROME METABOLICA DEGENERATIVA. Queste indicazioni e considerazioni sono soggette a modifiche. Le notizie caotiche italiane, ma soprattutto i dati internazionali modificano la situazione di giorno in giorno.

Stampa questo articolo
translate