Oncologia

Il cancro tra tante malattie non è quella peggiore. Ce ne sono alcune per le quali la vita è indegna e per queste l’eutanasia potrebbe essere plausibile. Il cancro No! Il cancro non è incurabile e non è sinonimo di paura e sofferenza. Chi vuole trasformarlo in una malattia cronica, sbaglia! Costoro o sono caduti nel tranello della medicina meccanicistica, tecnogena e riduzionista oppure sono in mala fede.

Oggi sappiamo bene quali sono i fattori che portano al cancro. Salvo pochi casi genetici o ambientali puri, tutti gli altri sono prevedibili e curabili. Le ricerche dei ricercatori Tomassetti, Vogelstein e Li del Johns Hopkins Hospital hanno chiaramente indicato che la medicina moderna, dal 1950 in poi, ha fallito a identificare nel 65% dei casi la causa che innesca il cancro. La stagnazione delle cure oncologiche dipende da questa “ignoranza”. Il nostro codice genetico non è statico, ma dinamico. Non esiste DNA spazzatura e i nostri geni, le nostre triplette cambiano la risposta alle innumerevoli influenze ambientali.

È questa la scienza dell’Epigenetica, che rivela non solo un nuovo modello di comportamento dei nostri geni ma porta alla luce le dilaganti problematiche ambientali del moderno mondo occidentale.

La prevenzione primaria del cancro e delle sue manifestazioni è il nuovo paradigma della oncologia.

L’Epigenetica permette di individuare la causa del cancro nel singolo individuo. La strada è all’inizio, in salita e ostacolata dalla riottosità di molti che stentano ad uscire dalla confort zone degli aggiornamenti obbligatori. La ricerca libera e indipendente dell’epigenetica ha come obiettivo la prevenzione primaria e la guarigione dei malati. Per precorrere questo sentiero la persona malata cambia il suo ruolo passado da “cavia di protocolli” e “protagovista della sua salute”.

I 180.000 malati di cancro che ogni anno finiscono nei cimiteri d’Italia hanno capito che tutto è andato male. La strada seguita dalla scienza non ha portalo a loro nessun giovamento. La morte prematura per una malattia degenerativa di cui non si conosce la causa è un omicidio sociale. Di fronte a questa situazione, POSSIAMO RIMEDIARE?

La medicina quantistica è alla base dell’Epigenetica. L’uomo non sa quanti capelli ha in testa, ma i bulbi piliferi lo sanno perfettamente. Loro sanno anche quanto sono lunghe le unghie dei piedi e quanti globuli rossi sono nel sangue. Le cellule sanno simultaneamente e sincronicamente tutto di tutti. Questa è l’Omeostasi di Ippocrate: la «forza guaritrice della natura» (νόσων φύσεις ἰητροί) ha i poteri innati di auto-guarigione. Significa che se il corpo riacquista il suo equilibrio, gli infussi dannosi esterni sono neutralizzati dal Sistema immunitario.

La prima festa dei Guariti di Carpi (2017) ha dimostrato che 1) quando una persona amata muore di cancro deve essere un insegnamento a NON ripercorrere la stessa strada, 2) l’ignoranza sulla propria salute deve essere abbattuta dubitando di tutto quello che la pubblicità e la propaganda elargisce apparentemente gratis, 3) le comodità della società creano una Comfort zone che annichilisce la mente e i sensi.

Chi sviluppa conoscenza e consapevolezza compie uno sforzo gigante che crea uno schermo protettivo immunitario alle insidie della vita. Questa è la migliore assicurazione sulla salute.

Stampa questa pagina
translate